Medialabs
Come aprire un profilo business su Instagram

27 Apr, 2017

Social
by Sara Nicoli

Instagram rappresenta una vera scoperta per le aziende negli ultimi anni, tanto che la stessa piattaforma ha modificato anche di recente il proprio algoritmo assegnando sempre più importanza ai profili business.

Non solo: dopo essere entrata a far parte dell’impero di Facebook, Instagram è diventata la seconda piattaforma per importanza dove un’azienda possa promuovere il proprio brand o i propri prodotti sia con contenuti organici che a pagamento.

Una delle novità che di sicuro non ti sarà passata inosservata è la possibilità di poter passare da un profilo privato ad uno aziendale su Instagram: si tratta di una grande opportunità per tutti gli imprenditori che desiderano utilizzare questo social per incrementare la visibilità, rafforzare l’interazione coi propri utenti e potenziare la propria brand awaress.

Se ancora non l’hai fatto, ecco come aprire un profilo business su Instagram.

1 Come passare da un profilo privato ad uno aziendale su Instagram

Per effettuare il passaggio da un profilo utente privato ad uno business sarà sufficiente entrare in “Impostazioni” e cliccare su “Passa a un profilo aziendale”.

Per poterlo fare è per necessario possedere una fanpage, o pagina aziendale su Facebook di cui dovrai essere uno degli amministratori: se non ce l’hai, niente paura perché in questo articolo ti spieghiamo velocemente come aprire una.

L’associazione con la pagina Facebook, che ora potrà sembrarti una scocciatura, rappresenta però un passaggio essenziale sia per gestire i tag di geolocalizzazione, sia per accedere alle funzioni ADS della piattaforma, con cui procedere poi alle sponsorizzazioni.

Una volta associata la pagina, Instagram ti chiederà anche di aggiungere le informazioni di contatto, l’indirizzo mail, il numero di telefono e l’indirizzo: esattamente come avviene con altri social, potrai anche aggiungere pulsanti di invito all’azione (ad esempio “Chiama” o “Contattaci”) per invitare gli utenti a mettersi in contatto con te.

2 Come creare un profilo business efficace su Instagram

Come abbiamo scritto sopra, una volta effettuato lo switch da un profilo privato ad uno aziendale su Instagram, dovrai inserire tutte le informazioni relative alla tua azienda, aggiungendo anche un’immagine del profilo, un testo di presentazione e un invito all’azione.

Per quello che concerne la foto del profilo, una volta effettuato il collegamento con la fanpage di Facebook, Instagram utilizzerà in automatico l’immagine già presente su questa pagina: è tuttavia possibile modificarla cambiando lo sfondo o utilizzando dei filtri.

Per quello che concerne invece il testo di presentazione e l’invito all’azione (ma lo stesso vale anche per i copy), cerca di essere il più breve e persuasivo possibile: Instagram è un social occupato per il 99,9% da contenuti d’immagine, quindi i suoi utenti non si aspettano di trovare lunghi testi scritti da leggere.

Aggiungi naturalmente nella tua presentazione anche un link diretto al tuo sito o ad una landig page dedicata alle offerte o ai servizi svolti dalla tua attività, cercando di includere nell’invito all’azione qualcosa che possa invogliare i tuoi utenti a cliccare.

Una volta completati tutti questi passaggi, la tua pagina business su Instagram sarà pronta per essere utilizzata: potrai iniziare immediatamente a pubblicare i tuoi video e le tue foto e a monitorare impression e rich dei tuoi post tramite la funzione Insights, cui potrai accedere ogni volta che vuoi cliccando sull’icona a forma di grafico collocata in alto a destra.

Esattamente come i dati Insights di Facebook, anche le metriche di Instagram ti consentiranno di avere molte informazioni utili sui contenuti preferiti dagli utenti, giorni ed orari in cui questi sono più attivi e caratteristiche socio- demografiche dei tuoi fan.

Da non dimenticare che il monitoraggio degli utenti sarà fondamentale per la creazione di annunci sponsorizzati: anche in questo caso, Instagram ha introdotto un’importante novità, vale a dire la possibilità di poter realizzare post a pagamento indipendentemente dall’Ads di Facebook, cliccando su “Promuovi” e indicando successivamente budget e pubblico cui indirizzare la campagna.

3 Cosa puoi fare con la tua pagina aziendale su Instagram

Non è un caso che molti brand, sia di piccole che di medie o grandi dimensioni, abbiano scelto di investire nel marketing su Instagram: è stato infatti rilevato che i contenuti postati su questo social ricevono interazioni e commenti 50 volte superiori a quelli di Facebook e un motivo ci sarà.

Se come scritto da più parti “un’immagine vale più di mille parole” è chiaro che il valore aggiunto di questo social sta proprio nella capacità di raccontare storia e realtà di un marchio in modo efficace utilizzando solo immagini e video.

Naturalmente però perché questo avvenga è necessario sviluppare una strategia: Instagram, infatti, è un social per molti, ma non per tutti!

Prima di gettarti nella mischia, cerca di comprendere quanto includere Instagram nella tua strategia di marketing online possa essere funzionale alla promozione del tuo brand e soprattutto se i tuoi utenti sono presenti su questo social.

Una volta che avrai sciolto questi nodi, potrai iniziare a strutturare davvero la tua strategia, individuando prima di tutto gli obiettivi che vuoi raggiungere, facendo in modo che siano misurabili attraverso i dati che la stessa piattaforma mette a disposizione, e definendo poi la tipologia di contenuti che vuoi pubblicare e come realizzarli.

Per fare degli esempi pratici, se hai scelto di usare Instagram per mostrare la tua filosofia aziendale, dovrai concentrarti sulla realizzazione di contenuti più emozionali, mentre se il tuo obiettivo è usare il social come vetrina dei tuoi prodotti e servizi, dovrai cercare di creare dei post che rendano chiara ed evidente ai tuoi utenti la tua offerta.

Un consiglio, soprattutto nella fase iniziale, cerca di stabilire un giusto equilibrio fra immagini e video (comprese le gif animate), per comprendere il tipo di contenuto che possa interessare di più il tuo pubblico e risultare più coinvolgente.

Tieni inoltre presente che Instagram, essendo un social basato principalmente su contenuti spontanei ed estemporanei, non consente di programmare i post come su Facebook: per farlo dovrai utilizzare eventualmente un’app esterna.

Presta infine molta attenzione agli hashtag che utilizzi: essi consentono, infatti, di trovare i tuoi contenuti più facilmente, aumentando la visibilità del tuo brand e l’interazione con gli utenti. Opta dunque per dei tag più popolari se desideri semplificare la ricerca, più di nicchia o addirittura creati ex novo per differenziarti e far crescere il senso di appartenenza entro i tuoi stessi follower.